Blog: http://acquaepane.ilcannocchiale.it

APPARTENENZA





Ed è emozione
questo pensarti silenzioso
è diversa attesa il non averti
è sogno che rivive sveglio
attimo che si ripassa lento ogni attimo
Tenerezza profonda
di un sentire dentro
Mille i modo dell’essere…Appartenenza
per quel suo esistere
sempre lo stesso e diverso

Canto che
non ha bisogno di parole
Musica che
suona senza alcuna nota
Stupore che
non si addormenterà
mai nell’anima

Ed è silenzio ora
vestito della tua stessa vita
colorato dal ricordo dei tuoi suoni
sosta imposta
sosta dovuta
ad un dolore che ha colpito duro
Risalita da un vuoto
che profondo
serra ogni via d’uscita

Ed è emozione questo viverti
silenzio e prigionia
contro ogni senso
contro ogni tempo
contro lo stesso vivere





Pubblicato il 2/1/2005 alle 20.38 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web