Blog: http://acquaepane.ilcannocchiale.it

ED E' ABBANDONO IL VIVERTI






Arriva lento quel possedermi

Tempo che non si ritocca
sei dentro l’anima
m’incateni a petali

Mi prendi proposta e offerta
e l’anima tua mi s’incantena

Cielo perso nel tuo parlarmi
veste ordito fine il raccordarsi
il ritrovarci parole d’occhi

Carezze vissute come respiro
sono le tue stesse mani
Abbraccia il silenzio… affascina

Infinito il vivere
ci veste
a riscoprire ogni sentire

musica che violenta i corpi
che ricorderanno sempre un suono

Ed è abbandono il viverti

Pubblicato il 26/2/2005 alle 15.40 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web